domenica 28 ottobre 2012

Alessandro Bianchi a Radio Popolare Roma (29 ottobre 2012)



Domani, lunedì 29 ottobre, dalle 10.00 alle 11.00 Alessandro Bianchi sarà ospite della trasmissione Due-zero-tredici di Radio Popolare Roma. Seguitelo in radio (FM 103.3) o in streaming dal sito http://www.radiopopolareroma.it/.

venerdì 26 ottobre 2012

Candidature su Roma

Repubblica

Sulle primarie

Libero

Le primarie a Roma



BIANCHI: PRIMARIE PER CANDIDATO SINDACO DI ROMA: LE REGOLE APPROVATE  DAL PD FANNO MALE AL PD E A ROMA. IO CONFERMO COMUNQUE LA MIA CANDIDATURA

In merito al recente documento del Pd romano sulle regole delle primarie per il candidato Sindaco di Roma, Alessandro bianchi ha rilasciato la seguente dichiarazione: “La decisione sulle primarie presa dall’Assemblea romana fa male al PD e a Roma, perché è l’esatto contrario di ciò che occorre per valorizzare capacità e competenze interne al PD stesso e per dare un segnale di apertura alla società. 
Stabilire che per partecipare alle primarie si devono raccogliere 2500 firme di iscritti al PD romano oppure quelle di 140 di membri della sua Assemblea, significa rinchiudere le primarie nel recinto dei gruppi organizzati presenti al suo interno, escludendo chiunque non ne faccia parte. E’ una decisione grave, che allontana ulteriormente dal voto quella larga fascia di elettorato di sinistra fortemente critica nei confronti dell’attuale sistema dei partiti e ancora incerta se votare o meno.             
Per quanto mi riguarda mi auguro che possa esserci un meditato ripensamento, ma anche nel caso mi fosse oggettivamente impedito di partecipare alle primarie, confermo la mia candidatura a Sindaco di Roma e sarò presente nel confronto elettorale con una posizione ben radicata nel campo progressista”

giovedì 25 ottobre 2012

Basta cemento sulla capitale



DICHIARAZIONE DI ALESSANDRO BIANCHI – DIFENDIAMO L’AGRO ROMANO, FERMIAMO LA NUOVA CASCATA DI CEMENTO SULLA CAPITALE

Condivido pienamente l’allarme lanciato da diverse associazioni ambientaliste nell’Appello per fermare l’aggressione all’Agro romano e impedire lo stravolgimento delle regole da parte della Giunta Alemanno”. La Giunta comunale, invece di contrastare l’invasiva azione che giornalmente svolge la speculazione edilizia ed avviare il risanamento e la manutenzione della città costruita che sempre più si sta degradando, ha predisposto in fretta e furia una nuova e colossale cementificazione nel territorio del comune, a cominciare dall’Agro romano. Al contrario, bisogna bloccare la nuova cascata di cemento che si sta preparando e avviare una nuova politica urbanistica incardinata su questi punti: ripensare il PRG del 2008; rigenerare i quartieri degradati; integrare centro e periferie. A ciò si aggiunge l’urgenza della rivitalizzazione dell’Agro romano ai fini sia della difesa dell’ambiente che della promozione dell’agricoltura e delle occasioni di lavoro. E’ bene che il futuro Sindaco assuma queste come priorità programmatiche.

martedì 23 ottobre 2012

Intervista ad Alessandro Bianchi

Monti, le primarie e il governo di Roma (Nicola Lofoco, Infodem.it)

Paesesera 23.10.2012

Scuole, le reazioni della politica ai blitz: "Atti inaccettabili"

Dichiarazione di Alessandro Bianchi, candidato sindaco di Roma

Squadrismo nelle scuole: se ne vada subito Alemanno

Bisogna subito stroncare le incursioni e le provocazioni dei fascistelli nelle scuole romane. Questi blitz sono l’ultimo frutto avvelenato di una giunta e di un sindaco che, invece di operare per la città, sono stati prodighi di posti e finanziamenti per uomini ed associazioni di estrema destra. Il risultato è davanti a tutti: Roma, incrocio unico al mondo di storia, cultura e bellezza, si sta spegnendo: priva di idee, impoverita, paralizzata dal traffico, inquinata, aggredita dal rumore, soffocata dalla speculazione edilizia, sfregiata dall’abusivismo, offesa da squadristi da quattro soldi. Devono intervenire subito polizia e magistratura, ma non basta: se ne vada al più presto un sindaco e una giunta che hanno fatto più danni di barbari e Barberini”.

lunedì 22 ottobre 2012

Roma post-moderna


Se pensate, come me, che l’urbanistica sia una delle chiavi per rigenerare Roma, non perdete l’appuntamento con gli scritti, i piani, i progetti, le opere di Le Corbusier, in mostra al MAXXI. Tra i più grandi architetti e urbanisti del XX secolo, Le Corbusier è la personalità che ha meglio interpretato in chiave urbana le grandiose trasformazioni economiche e sociali prodotte dalla rivoluzione industriale e dall’avvento della Modernità. 
La Roma post-moderna va pensata e progettata a partire dall’eredità che Le Corbusier ci ha lasciato.
Alessandro

sabato 20 ottobre 2012

Sciare a Roma


Ogni giorno che passa Roma è costretta a sentire le bestialità di qualcuno dei suoi Amministratori. Oggi è di turno la vicesindaco Belviso e lo sci dentro il Circo Massimo. Arriva un signore tedesco dal nome esotico, tale Günther Hujara, e dice che vuole portare a Roma una tappa della Coppa del Mondo di sci parallelo e che il Circo Massimo è il posto ideale! Basta immaginarlo: una pista alta 60 metri e lunga 250, riempita di neve artificiale sparata da un cannone, costruita nel bel mezzo di un luogo cruciale della Roma antica. La vicesindaco lo riceve e gli dice che lo sci a Roma è una splendida idea, ma avrà difficoltà ad usare il Circo Massimo perché c’è sempre di mezzo la Soprintendenza che deve dare il permesso. 
Peccato, peccato davvero: è una delle cose di cui a Roma si sentiva di più la mancanza e la Belviso lo aveva capito subito.
Alessandro

Ebdomadario 20/10/2012 Editoriale

Il nuovo Ebdomadario, il dolce ribelle Nicolini, il candidato Sindaco Bianchi

venerdì 19 ottobre 2012

Gli alberi di Roma


Roma sta disperdendo il suo patrimonio di alberi. Negli ultimi due anni ne sono stati abbattuti oltre 6000 e ripiantati poco più di 2000. Quest’anno, fino a maggio, il bilancio è di 700 abbattuti contro 279 piantati: che è come dire 421 in meno. Per di più si tagliano specie tradizionali: pini, robinie, platani e oleandri; e si sostituiscono con le specie più diverse. Apprendo tutto questo – e inorridisco - da un articolo di Laura Serloni (la Repubblica, 18 ottobre 2012).
Se vogliamo che Roma sia “bella” dobbiamo farci sentire anche su questo terreno.
Alessandro

giovedì 18 ottobre 2012

Europa 18.10.2012

Europa 18.10.2012 (Candidature su Roma)

Ottobrata romana


Sole e aria fresca. Una tipica ottobrata romana ideale per cominciare lavorare per Roma dopo la fulminea partenza di ieri. 
Ci siamo posizionati al momento opportuno e con un messaggio chiaro: idee nuove, persone per bene e competenti, proposte concrete. Ora dobbiamo riempire tutte e tre le caselle, quindi chi vuole impegnarsi direttamente alzi la mano; chi ha un’idea buona la dica; chi vuole avanzare proposte lo faccia.
Entro quindici giorni dobbiamo fare un’altra iniziativa pubblica: su quale tema? dove? coinvolgendo chi? Fatemi sapere.
Alessandro

mercoledì 17 ottobre 2012

Repubblica

http://roma.repubblica.it/cronaca/2012/10/17/news/comunali_bianchi_si_candida_come_argan_e_nicolini-44725647/

Video

Video conferenza stampa 17.10.2012

Partiti!


Siamo partiti. E lo abbiamo fatto bene. Stamattina c'è stata la nostra annunciata conferenza stampa a Piazza Margana. Sensazioni positive. Molte persone, grande attenzione e commenti entusiastici. Gran lavoro della stampa sia per le riprese che per i diversi articoli. Non posso che dirmi soddisfatto di questa partenza. Ora proseguiamo. Proseguiamo così, perché questo non è che l'inizio. 
Alessandro

Dopo conferenza stampa

Alcuni annunci che seguono di poche ore la conferenza stampa di oggi e riassumono le mie risposte a diversi quesiti. 

Annunci

http://www.liberoquotidiano.it/news/1100786/Roma-Bianchi-Pd-dopo-vuoto-lasciato-da-Zingaretti-mi-candido-io.html

http://www.paesesera.it/Politica/Comune-il-vuoto-da-riempire-dopo-Zingaretti-nomi-e-profili-dei-candidati-piu-accreditati


http://www.paesesera.it/Politica/Bianchi-candidato-senza-primarie-Le-regole-non-sono-inclusive

Roma per Bianchi

Alcuni scritti di Alessandro Bianchi per Roma

Europa 13.4.2012 Fermiamo il declino di Roma
Europa 19.4.2012 Riflessioni su Roma
Europa 9.6.2012 Rifiuti, si cambi strategia!
Europa 17.7.2012 Appia antica
Europa 7.8.2012 Renato è stato dimenticato

Federico Orlando/Europa 17.10.2012


Si muovono per Roma programmi e candidature


http://www.europaquotidiano.it/dettaglio/137837/si_muovono_per_roma_programmi_e_candidature

martedì 16 ottobre 2012

lunedì 15 ottobre 2012

Annuncio candidatura

http://roma.repubblica.it/cronaca/2012/10/15/news/comunali_l_ex_ministro_bianchi_il_nuovo_candidato_sindaco-44571741/?ref=search

Conferenza Stampa Progetto Roma


ProgettoRoma
Idee, persone e proposte per governare Roma dal 2013
  
Conferenza stampa di presentazione della candidatura a Sindaco di Roma
di
Alessandro Bianchi

Presenziano
 Pier Luigi Adami, Orietta Rossini, Lucio Villari

           Roma, 17 ottobre 2012, ore 11.30
           Sala Margana, Piazza Margana 41

Comunicato stampa


comitato elettorale: 
Roma, 00192, via Pompeo Magno 1
06 99701446 (h.15-18)
3357321800


Roma, 17 ottobre 2012

COMUNICATO STAMPA

      (Roma, mercoledì 17 ottobre, ore 11.30, Piazza Margana 41)



·      Progetto Roma è un’associazione politico-culturale che nasce con la finalità di proporre idee, persone e proposte per fare di Roma una città bella, efficiente, equa, sicura e sostenibile. In linea con questo obiettivo presenta la candidatura a Sindaco di Roma Capitale di Alessandro Bianchi, ingegnere, docente di urbanistica, persona di lunga esperienza accademica, professionale e politica, in grado di progettare e governare il futuro di Roma. La lista che lo accompagnerà sarà libera, aperta e ben radicata nel campo progressista.

·      E’ evidente a tutti che Roma si sta spegnendo: priva di idee, povera di risorse, devastata dal traffico, inquinata, aggredita dalla speculazione edilizia, sfregiata dall’abusivismo, noncurante del suo immenso patrimonio culturale, impotente di fronte al problema dei rifiuti, ostile verso le diversità, sprezzante nei confronti delle regole, preda di mille corporazioni. I suoi problemi sono certamente complessi, vengono da lontano e sono aggravati dalla crisi generale del Paese, ma è un fatto che l’attuale amministrazione ha inferto colpi micidiali alla città, lasciando spazio ad una corruzione dilagante, praticando un clientelismo sfrenato e devastando un bilancio di per sé difficile da gestire.                                                                           
Roma non merita questo. Dobbiamo reagire per superare il disimpegno, la rassegnazione e l’astensionismo e restituire dignità alla politica, che è arte di governare la città, non pratica di potere.

·      Dobbiamo costruire uno scenario pensando a come vogliamo che sia Roma nel 2020. La candidatura di Alessandro Bianchi si colloca in questa prospettiva, per dare motivazioni anche a chi pensa di astenersi, proponendo idee nuove, persone oneste e competenti, proposte concrete per fare di Roma una città:

Bella, grazie ad un patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico unico al mondo che è la sua più grande risorsa.
Efficiente, ossia capace di soddisfare le esigenze dei cittadini, delle istituzioni, delle imprese, dei visitatori; una città ben amministrata, libera da corruzione, nepotismi e clientelismi; che produce e crea lavoro; sottratta alla speculazione immobiliare; che consente una mobilità dolce; che offre servizi di qualità.
Equa, come deve essere una città che vede al suo interno la compresenza di genti diverse per condizione economica, cultura, lingua, razza, religione, alle quali tutte vanno assicurati i diritti civili fondamentali e, ancor prima, dignità e senso di appartenenza. 
Sicura, che significa difendere i cittadini dall’aggressione della criminalità, ma anche dismettere la falsa equazione immigrato-irregolare-diverso=criminale, che porta a cedere alle spinte più retrive e reazionarie verso il razzismo, l’omofobia, la violenza sulle donne.
Sostenibile, che è la questione chiave per le città del terzo millennio e va posta in termini prioritari in una città come Roma, oggi palesemente insostenibile.
Ripensare la mobilità, gestire il ciclo dei rifiuti, ridurre il consumo di energia, frenare l’occupazione di suolo e curare il decoro urbano, al fine di garantire un’alta qualità della vita ai cittadini, condizioni di efficienza alle sue imprese e più ampie occasioni di lavoro.










domenica 14 ottobre 2012

Roma 2020



Roma si sta spegnendo: devastata dal traffico e dalla speculazione edilizia, noncurante del suo patrimonio culturale, impotente di fronte al problema dei rifiuti, ostile verso le diversità, irrispettosa delle regole, preda di mille corporazioni.
Roma non merita questo: dobbiamo reagire superando il disimpegno, la rassegnazione e l’astensionismo per restituire dignità alla politica, che è l’arte di governare la città e non una pratica di potere.



Pensiamo a Roma nel 2020 e mettiamo in campo idee, persone e proposte per farla diventare una città bella, efficiente, equa, sicura e sostenibile.